La polvere di ceramica, Due Punti Handmade Treviso
1006
post-template-default,single,single-post,postid-1006,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.4,vc_responsive
Gessetti polvere di ceramica fai da te handmade

Mezz’ora di magia. La polvere di ceramica

Non c’è stagione per questa magia, per creare con la polvere di ceramica ogni momento è quello giusto!

Qualche tempo fa ti avevo raccontato di come avevo cercato di risolvere il “problema” delle bomboniere che alcune di voi avevano, visto l’imminente importante festeggiamento in programma: entravano in negozio disperate urlando SOS BOMBONIERE e sventolando una bandiera bianca in segno di resa…

La polvere di ceramica era anch’essa un’ottima soluzione!

Pochi semplici ingredienti:

  • polvere di ceramica
  • acqua
  • stampo di silicone alimentare morbido

Tutto qui. Nient’altro se non la vostra FANTASIA.

Il procedimento è molto semplice.

Per iniziare si versano TRE parti di polvere e UNA di acqua in un contenitore (è sufficiente una tazza da the, se non decidete di fare quantità industriali di prodotto) e si mescola bene per evitare che non si formino grumi. L’impasto dovrà avere la stessa consistenza dello yogurt, giusto per rendere l’idea. Siamo pronti quindi per dare inizio alla magia! Colatelo all’interno dello stampo da realizzare.

Non preoccupatevi se avete abbondato, facendone fuoriuscire dalla forma; si può togliere l’eccesso e asciugare lo stampo con della carta da cucina, giusto che non risulti poi irregolare il bordo una volta asciutto.

Il gioco è fatto. Adesso dovete solo avere pazienza ed attendere un tempo tecnico di asciugatura. Consiglio non meno di 30 minuti prima di poter togliere la forma dallo stampo. Usate comunque molta delicatezza in questa operazione dato che si è solidificata, ma non del tutto asciugata e potrebbe rompersi. Capita anche a me, non disperate! Lasciatela almeno una notte fuori dallo stampo per farla asciugare completamente. Il mattino successivo, dopo una bella dormita, il nostro “gessetto” è PRONTO per fare parte delle vostre creazioni!

Vi svelo un paio di segreti del mestiere: io utilizzo una siringa senza ago. La uso sia per dosare l’acqua e avere cosí la misura precisa da utilizzare, che per ri-versare l’impasto negli stampi rendendomi facile anche il minimo dosaggio in quelli più piccoli come le lettere dell’alfabeto. Poi, per far asciugare al meglio la formina – passaggio fondamentale per un ottimo risultato finale –  una volta tolta dallo stampo la posiziono sopra una griglia paraschizzi (che una brava cuoca utilizzerebbe invece sopra la pentola) che metto sopra i fuochi (rigorosamente spenti) e che fa circolare l’aria da ogni direzione, cosí che asciughino al meglio tutte le superfici.

Gessi-polvere-ceramica-handmade-duepunti

La particolarità della polvere di ceramica – rispetto al gesso – è quella di rendere di un BIANCO PURO e molto LISCIO l’effetto finale dei nostri “gessetti. Io li preferisco cosí, bianchi in tutta la loro purezza, ma se tu lo preferisci puoi colorarli utilizzando semplicemente i colori acrilici, o con tecniche di anticatura e invecchiamento, rendendoli ancora più “vissuti”.

Ci addentreremo più avanti anche nei segreti dell’effetto vintage. Nel frattempo diamo inizio alla produzione!

No Comments

Post A Comment